Laura Formenti

Psicologa e pedagogista, studiosa di sistemi complessi, insegna all’università Bicocca ed è tra i fondatori e membri di Philo, associazione di pratiche filosofiche a Milano, dove anima insieme ad Andrea Prandin e Silvia Luraschi GRASS – Circolo di ricreazione di sguardi e pratiche educative sistemiche. Suo interesse principale di ricerca è come e cosa si può imparare quando si è adulti.

Nel 2019 ha ricevuto il Cyril O. Houle Award della American Association for Adult and Continuing Education per il libro Transforming Perspectives in Lifelong Learning and Adult Education scritto con Linden West: un dialogo sul senso del vivere, del trasformarsi, dell’interrogarsi in una società disorientata e frammentata.


Edizione 2021

venerdì 24 settembre 2021

Dialogo con Marino Formenti e Laura Formenti

Marino Formenti, pianoforte

Musiche di Girolamo Frescobaldi (1583-1643), Johann Sebastian Bach (1685-1750), Johann J. Froberger (1616-1667), Salvatore Sciarrino (1947).

Come dialogare sull’indicibile? Come avvicinarsi là dove neppure gli angeli osano posare il piede?
Il senso della vita si fa più pieno quando coniuga la consapevolezza della fine e la capacità di vivere il presente.
La musica è presenza. Un dialogo silenzioso, sospeso, al di là del tempo e dello spazio eppure intensamente incorporato e materiale.

Vibrazioni sonore, risonanze biografiche, relazioni di relazioni. Tra un fratello e una sorella. Tra un artista e il suo pubblico. Tra la comunità di pratiche filosofiche e il mondo più che umano.